La ricezione dei capitolari carolingi nel Regnum Langobardorum