Figure dell’identità. La parola e la voce nel “Werther"