Accordi e disaccordi. Note critiche sul positivismo "debole"