Le fondazioni universitarie: cavallo da traino o cavallo di Troia?