Su un'applicazione della trasformata di Laplace al calcolo della funzione asintotica di non rovina