Individualità e totalità nella vita dell’intelletto: tracce di monadologia in Plotino?