Trascendenza e immanenza dell’intellegibile: l’interpretazione plutarchea della metafora della linea