Il saggio è nato nell’ambito degli studi che l’autore ha condotto sul disegno di viaggio e sui viaggiatori d’architettura. È dedicato a Pascal-Xavier Coste (Marsiglia, 1787-1879), architetto e ingegnere, figura singolare tra i viaggiatori d’architettura del XIX secolo. I suoi viaggi, molteplici e a volte con itinerari ripetuti – in Nord Africa, Medio Oriente, Europa – per certi versi aprirono nuovi orizzonti, sull’antica strada del viaggio per studiare e documentare l’architettura. I disegni di viaggio di Coste, tecnico e artista a un tempo, costituiscono un insieme coerente che si configura come un vero e proprio lunghissimo giornale di viaggio. Coste non si limita a disegnare monumenti antichi, moderni e contemporanei, ma dedica la sua attenzione al territorio, al paesaggio, alla morfologia dei luoghi, alla vita pulsante quotidiana; per gli edifici va oltre la rappresentazione d’insieme e cerca di indagare l’articolazione degli spazi interni, di comprendere le tecniche compositive e i sistemi costruttivi, i dettagli, gli arredi, la vita che vi si svolge. Inoltre, nell’ambito dei viaggiatori d’architettura, Pascal Coste rappresenta per certi versi il momento di passaggio tra due epoche distinte: quella dei “pensionnaire” all’Académie de France a Villa Medici e la nuova stagione dei viaggiatori contemporanei, inaugurata agli inizi del XX secolo da Le Corbusier.

Pascal Coste, viaggiatore d’architettura per lavoro, per studio, per passione

CARDONE, Vitale
2005

Abstract

Il saggio è nato nell’ambito degli studi che l’autore ha condotto sul disegno di viaggio e sui viaggiatori d’architettura. È dedicato a Pascal-Xavier Coste (Marsiglia, 1787-1879), architetto e ingegnere, figura singolare tra i viaggiatori d’architettura del XIX secolo. I suoi viaggi, molteplici e a volte con itinerari ripetuti – in Nord Africa, Medio Oriente, Europa – per certi versi aprirono nuovi orizzonti, sull’antica strada del viaggio per studiare e documentare l’architettura. I disegni di viaggio di Coste, tecnico e artista a un tempo, costituiscono un insieme coerente che si configura come un vero e proprio lunghissimo giornale di viaggio. Coste non si limita a disegnare monumenti antichi, moderni e contemporanei, ma dedica la sua attenzione al territorio, al paesaggio, alla morfologia dei luoghi, alla vita pulsante quotidiana; per gli edifici va oltre la rappresentazione d’insieme e cerca di indagare l’articolazione degli spazi interni, di comprendere le tecniche compositive e i sistemi costruttivi, i dettagli, gli arredi, la vita che vi si svolge. Inoltre, nell’ambito dei viaggiatori d’architettura, Pascal Coste rappresenta per certi versi il momento di passaggio tra due epoche distinte: quella dei “pensionnaire” all’Académie de France a Villa Medici e la nuova stagione dei viaggiatori contemporanei, inaugurata agli inizi del XX secolo da Le Corbusier.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1067345
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact