I confini dell'utopia negativa: ambiguità e versatilità di un genere letterario atipico