L’attivazione di rappresentazioni fonemiche durante il riconoscimento del parlato: una risorsa metalinguistica?