La produzione rituale della "cosa"