Un modello neurale per l’adeguamento dei campioni estimativi “scarsi”