I compiti atipici degli enti locali, cioè quei compiti non conferiti direttamente dalla legge (statale o regionale), ma liberamente scelti dagli enti locali, sono giudicati ammissibili nel nostro ordinamento costituzuinale, e fatti rientrare nella nozione di compiti "propri". Tuttavia, per realizzarli, non si ammette l'azione autoritativa dell'ente, essendo essi compatibili solo con interventi di diritto privato. Centrale, nell'individuazione di detti compiti, rimangono le fonti del diritto locali.

Compiti atipici degli enti locali e diritto privato

GALDI, Marco
2006

Abstract

I compiti atipici degli enti locali, cioè quei compiti non conferiti direttamente dalla legge (statale o regionale), ma liberamente scelti dagli enti locali, sono giudicati ammissibili nel nostro ordinamento costituzuinale, e fatti rientrare nella nozione di compiti "propri". Tuttavia, per realizzarli, non si ammette l'azione autoritativa dell'ente, essendo essi compatibili solo con interventi di diritto privato. Centrale, nell'individuazione di detti compiti, rimangono le fonti del diritto locali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1525919
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact