Il contributo conduce un’approfondita ricognizione sugli esordi della tradizione a stampa delle rime estravaganti di Petrarca e si sofferma a indagare l’origine del lavoro di 'interpretatio' su questi testi, collocandola nel secolo aureo dei commenti ai "Rerum vulgarium fragmenta" e ai "Triumphi", ossia il Cinquecento. L’archetipo di questa tradizione esegetica è qui individuato nella chiosa della ballata "Donna mi vene spesso nella mente", approntata da Giovan Battista Gelli alla fine degli anni Quaranta per una lezione all’Accademia Fiorentina.

All'origine della tradizione esegetica delle disperse: il commento di Giovan Battista Gelli alla ballata "Donna mi vene spesso nella mente"

PAOLINO, Laura
2007

Abstract

Il contributo conduce un’approfondita ricognizione sugli esordi della tradizione a stampa delle rime estravaganti di Petrarca e si sofferma a indagare l’origine del lavoro di 'interpretatio' su questi testi, collocandola nel secolo aureo dei commenti ai "Rerum vulgarium fragmenta" e ai "Triumphi", ossia il Cinquecento. L’archetipo di questa tradizione esegetica è qui individuato nella chiosa della ballata "Donna mi vene spesso nella mente", approntata da Giovan Battista Gelli alla fine degli anni Quaranta per una lezione all’Accademia Fiorentina.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1713620
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact