La convergenza di culture e tecnologie nel nuovo quadro teorico della comunicazione digitale impone di rivedere i tradizionali paradigmi della mediologia. In questa riformulazione delle prospettive comunicazionali, il fumetto recupera un’imprevista attualità legata a due aspetti essenziali del suo linguaggio: la messa in scena di un mondo grafico, fondato sull’energia dell’invenzione visiva, e la non-linearità del suo modus narra-tivo, che si sviluppa su una sinergia di codice iconico e codice verbale dai tratti ipertestuali. L’avvento dell’informatica ha prodotto effetti di trasformazione delle cul-ture mediatiche che avrebbero, in teoria, dovuto compiere il processo di obsolescenza dei comics. Invece, se guardiamo all’attuale produzione di cinema e televisione, ma anche se consideriamo le pratiche collegate ai new media, ci rendiamo conto che il fumetto sembra costituire, oggi, il la-boratorio in cui si allestiscono i nuovi immaginari o dove le tradizioni del medium disegnato si offrono produttivamente all’innovazione dei vecchi regimi linguistici e tecnologici. Il cinema, in particolare, rinnova il suo sodalizio strutturale e storico con i comics assumendone la visionarietà radicale attraverso la possibilità di emanciparsi dal referente fisico per approdare, nel definitivo superamento della riproducibilità industriale, a un’immagine in movimento affrancata dal problema della verosimiglianza e proiettata verso la fondazione di un nuovo principio di realtà.

Convergence comics. Dinamiche di trasformazione dei media intorno al fumetto

BRANCATO, Sergio
2009-01-01

Abstract

La convergenza di culture e tecnologie nel nuovo quadro teorico della comunicazione digitale impone di rivedere i tradizionali paradigmi della mediologia. In questa riformulazione delle prospettive comunicazionali, il fumetto recupera un’imprevista attualità legata a due aspetti essenziali del suo linguaggio: la messa in scena di un mondo grafico, fondato sull’energia dell’invenzione visiva, e la non-linearità del suo modus narra-tivo, che si sviluppa su una sinergia di codice iconico e codice verbale dai tratti ipertestuali. L’avvento dell’informatica ha prodotto effetti di trasformazione delle cul-ture mediatiche che avrebbero, in teoria, dovuto compiere il processo di obsolescenza dei comics. Invece, se guardiamo all’attuale produzione di cinema e televisione, ma anche se consideriamo le pratiche collegate ai new media, ci rendiamo conto che il fumetto sembra costituire, oggi, il la-boratorio in cui si allestiscono i nuovi immaginari o dove le tradizioni del medium disegnato si offrono produttivamente all’innovazione dei vecchi regimi linguistici e tecnologici. Il cinema, in particolare, rinnova il suo sodalizio strutturale e storico con i comics assumendone la visionarietà radicale attraverso la possibilità di emanciparsi dal referente fisico per approdare, nel definitivo superamento della riproducibilità industriale, a un’immagine in movimento affrancata dal problema della verosimiglianza e proiettata verso la fondazione di un nuovo principio di realtà.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/1994736
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact