L’autore esamina il principio della libera circolazione dei lavoratori sul territorio dell’Unione europea alla luce di tutta giurisprudenza rilevante della Corte di Giustizia. Dopo aver individuato l’ambito di applicazione ratione materiae e ratione personae del principio, egli esamina la portata dello stesso in termini di non discriminazione (diretta e indiretta). Infine attenzione particolare viene data all’analisi delle eccezioni di tale principio, ovvero ai concetti di ordine pubblico, sanità e pubblica amministrazione.

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE

COLUCCI, Michele
2005

Abstract

L’autore esamina il principio della libera circolazione dei lavoratori sul territorio dell’Unione europea alla luce di tutta giurisprudenza rilevante della Corte di Giustizia. Dopo aver individuato l’ambito di applicazione ratione materiae e ratione personae del principio, egli esamina la portata dello stesso in termini di non discriminazione (diretta e indiretta). Infine attenzione particolare viene data all’analisi delle eccezioni di tale principio, ovvero ai concetti di ordine pubblico, sanità e pubblica amministrazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1995594
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact