Il saggio, all’interno del volume dedicato all’esperimento in letteratura nell’ambito del progetto “Acume 2/ Interfacing Science, Literature, and the Humanities”, discute le modalità attraverso le quali Alfred Döblin, partendo dal postulato scientifico di un osservatore sempre interno al campo di osservazione, disattiva l’antitesi rigida tra scienze della natura e scienze dello spirito, elaborando con il suo particolarissimo ‘naturalismo’ un concetto atto a definire un mutamento antropologico che rimette in discussione il legame tra individuo e mondo. Visione del mondo e concezione della scrittura si incontrano nella sua opera in una tormentata complessità, nella quale l’autore si serve degli elementi della sua cultura scientifica e filosofica per discutere e approfondire i problemi interni alla sua ricerca di narratore e alla sua idea del romanzo: come atto di conoscenza e instaurazione di un rapporto con le difficili e talvolta mostruose e grottesche combinazioni della vita e del fenomeno umano. Nella sua opera si delineano “Versuchsanordnungen” in cui la letteratura come forma di conoscenza e luogo per eccellenza di esperimento non ripropone semplicemente la logica dei fatti, ma la rende evidente, offrendo una riflessione su condizioni, regole e insufficienze di questa logica e delle sue spiegazioni. La verifica critica del metodo sperimentale nel decorso narrativo, che protocolla e annota metodologicamente ‘decorsi’, smonta alla fine la pretesa del metodo scientifico di giungere a risultati univoci. Il testo narrativo si presenta così come ambito di sperimentazione che produce conoscenza, ma che è anche capace di smascherare o di svelare il carattere di costruzione, e quindi anche fittizio, dei processi scientifici e gnoseologici.

Alfred Döblin und das wissenschaftliche Experiment

PERRONE CAPANO, Lucia
2009

Abstract

Il saggio, all’interno del volume dedicato all’esperimento in letteratura nell’ambito del progetto “Acume 2/ Interfacing Science, Literature, and the Humanities”, discute le modalità attraverso le quali Alfred Döblin, partendo dal postulato scientifico di un osservatore sempre interno al campo di osservazione, disattiva l’antitesi rigida tra scienze della natura e scienze dello spirito, elaborando con il suo particolarissimo ‘naturalismo’ un concetto atto a definire un mutamento antropologico che rimette in discussione il legame tra individuo e mondo. Visione del mondo e concezione della scrittura si incontrano nella sua opera in una tormentata complessità, nella quale l’autore si serve degli elementi della sua cultura scientifica e filosofica per discutere e approfondire i problemi interni alla sua ricerca di narratore e alla sua idea del romanzo: come atto di conoscenza e instaurazione di un rapporto con le difficili e talvolta mostruose e grottesche combinazioni della vita e del fenomeno umano. Nella sua opera si delineano “Versuchsanordnungen” in cui la letteratura come forma di conoscenza e luogo per eccellenza di esperimento non ripropone semplicemente la logica dei fatti, ma la rende evidente, offrendo una riflessione su condizioni, regole e insufficienze di questa logica e delle sue spiegazioni. La verifica critica del metodo sperimentale nel decorso narrativo, che protocolla e annota metodologicamente ‘decorsi’, smonta alla fine la pretesa del metodo scientifico di giungere a risultati univoci. Il testo narrativo si presenta così come ambito di sperimentazione che produce conoscenza, ma che è anche capace di smascherare o di svelare il carattere di costruzione, e quindi anche fittizio, dei processi scientifici e gnoseologici.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/2288874
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact