Lo scritto presenta, nell'arco di nove dense "sezioni", una trattazione sistematica ed esaustiva del processo per la dichiarazione di fallimento, come disciplinato dalle riforme della legge fallimentare del 2006-2007 e "modellato" dal diritto vivente. Muovendo dalle complesse ed attuali tematiche della legittimazione ad agire per la dichiarazione di fallimento, l'analisi tocca i temi della giurisdizione e della competenza del tribunale fallimentare, per poi affrontare nel dettaglio i singoli passaggi del giudizio di primo grado (l'istruttoria prefallimentare), i non meno complessi e dibattuti profili dell'istruzione probatoria e della ripartizione degli oneri della prova, i contenuti e l'efficacia della sentenza dichiarativa di fallimento, ed il sistema dei rimedi avverso la sentenza di accoglimento ed il decreto di rigetto della domanda di fallimento (i reclami alla corte d'appello e gli altri mezzi d'impugnazione). Interessanti ed innovative sono, poi, le trattazioni delle misure cautelari in corso di causa, nonché delle "inibitorie" della sentenza dichiarativa di fallimento. Chiude lo scritto la trattazione del giudicato di fallimento. L'autore - partendo dal presupposto che le riforme della legge fallimentare abbiano inteso collocare il processo per la dichiarazione di fallimento nel solco del "giusto processo civile" e della cognizione ordinaria, sia pure con caratteristiche di evidente specialità rispetto al modello generale del codice di procedura civile - analizza, in relazione a ciascuna tematica, le questioni più dibattute e propone soluzioni in linea o in dissenso, ma comunque in costante "dialogo", col diritto vivente.

La dichiarazione di fallimento

DE SANTIS, Francesco
2010

Abstract

Lo scritto presenta, nell'arco di nove dense "sezioni", una trattazione sistematica ed esaustiva del processo per la dichiarazione di fallimento, come disciplinato dalle riforme della legge fallimentare del 2006-2007 e "modellato" dal diritto vivente. Muovendo dalle complesse ed attuali tematiche della legittimazione ad agire per la dichiarazione di fallimento, l'analisi tocca i temi della giurisdizione e della competenza del tribunale fallimentare, per poi affrontare nel dettaglio i singoli passaggi del giudizio di primo grado (l'istruttoria prefallimentare), i non meno complessi e dibattuti profili dell'istruzione probatoria e della ripartizione degli oneri della prova, i contenuti e l'efficacia della sentenza dichiarativa di fallimento, ed il sistema dei rimedi avverso la sentenza di accoglimento ed il decreto di rigetto della domanda di fallimento (i reclami alla corte d'appello e gli altri mezzi d'impugnazione). Interessanti ed innovative sono, poi, le trattazioni delle misure cautelari in corso di causa, nonché delle "inibitorie" della sentenza dichiarativa di fallimento. Chiude lo scritto la trattazione del giudicato di fallimento. L'autore - partendo dal presupposto che le riforme della legge fallimentare abbiano inteso collocare il processo per la dichiarazione di fallimento nel solco del "giusto processo civile" e della cognizione ordinaria, sia pure con caratteristiche di evidente specialità rispetto al modello generale del codice di procedura civile - analizza, in relazione a ciascuna tematica, le questioni più dibattute e propone soluzioni in linea o in dissenso, ma comunque in costante "dialogo", col diritto vivente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/2600811
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact