Nella riflessione etica di Proclo l'azione e la volontà dell'essere umano risultano strettamente connesse con la dimensione del divino. All'interno della concezione del Neoplatonismo tardo-antico, di cui Proclo è probabilmente il massimo rappresentante, la riflessione etica implica perciò un rinvio necessario alla teologia e alla teurgia, attraverso la quale l'uomo entra direttamente in contatto con la divinità. Il compito più alto dell'uomo è dunque realmente la homoisis theo, vale a dire il “rendersi simile a dio”.

Handlung und Wille bei Proklos: Die Bedeutung und die Rolle der Theurgie und der pistis

ABBATE, MICHELE
2010-01-01

Abstract

Nella riflessione etica di Proclo l'azione e la volontà dell'essere umano risultano strettamente connesse con la dimensione del divino. All'interno della concezione del Neoplatonismo tardo-antico, di cui Proclo è probabilmente il massimo rappresentante, la riflessione etica implica perciò un rinvio necessario alla teologia e alla teurgia, attraverso la quale l'uomo entra direttamente in contatto con la divinità. Il compito più alto dell'uomo è dunque realmente la homoisis theo, vale a dire il “rendersi simile a dio”.
9783110221312
9783110221329
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/3015553
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact