Un esame ravvicinato di tutti i luoghi testuali de L’Acerba in cui Cecco d’Ascoli chiama in causa Dante per confutarlo sulla base dell’”ortodossia” scientifica. Una polemica nella cui filigrana s’intravede l’aristotelismo radicale.

I' voglio qui che il quare covi il quia». Cecco d'Ascoli avversario di Dante

FRASCA, Gabriele
1995

Abstract

Un esame ravvicinato di tutti i luoghi testuali de L’Acerba in cui Cecco d’Ascoli chiama in causa Dante per confutarlo sulla base dell’”ortodossia” scientifica. Una polemica nella cui filigrana s’intravede l’aristotelismo radicale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/3291077
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact