La storia della rappresentazione occidentale può apparire spontanea e poco codificata. Ma a studiare i suoi maggiori rappresentanti (Jouvet come Eduardo) appare chiaro che ci sono delle regole, dei sistemi e persino delle tecniche del corpo, come le chiamava Mauss, che vengono utilizzate e trasformate dai suoi interpreti migliori. Per rappresentarsi e, nello stesso tempo, rappresentare pezzi di mondo in cui il pubblico può riconoscersi.

Un attore al limite del teatro

DE MATTEIS, Stefano
1989

Abstract

La storia della rappresentazione occidentale può apparire spontanea e poco codificata. Ma a studiare i suoi maggiori rappresentanti (Jouvet come Eduardo) appare chiaro che ci sono delle regole, dei sistemi e persino delle tecniche del corpo, come le chiamava Mauss, che vengono utilizzate e trasformate dai suoi interpreti migliori. Per rappresentarsi e, nello stesso tempo, rappresentare pezzi di mondo in cui il pubblico può riconoscersi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/3533477
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact