L’identità, il contemporaneo e i danzatori