Cultura del paralume e cultura del bit elettronico: scontro o incanto?