L'articolo chiarisce i motivi di interesse del saggio "Spazi senza parola" di Helmuth Plessner, di cui curo anche la traduzione. L'interesse sta nelle argomentazioni proposte da Plessner per assegnare valore filosofico anche alle dimensioni non verbali dell'esperienza, dalla musica ai monumenti, dal riso e pianto alla geometria. Tali dimensioni per un verso gettano luce sulla grammatica dell'esperienza, cioè sulla sua radice corporea e sensoriale, la cui differenziazione è irriducibile. Per un altro gettano luce sul carattere eccentrico della condizione umana, perché proprio nel rapporto con l'indicibile (il non verbale) - con il fatto che esso viene mostrato e taciuto, espresso ma non dominato logicamente e praticamente -, emerge la situazione di confine tipica dell'eccentricità. Essere eccentrico significa trovarsi sempre dentro e fuori una linea di confine; quindi se la parola/logos è ciò che determina i confini, il non verbale/alogos è ciò che sta oltre il confine, ma come nostro, come ciò che dall'interno dei confini mostra il nostro costante e arrischiato trascenderli.

Nota a "Spazi senza parola"

RUSSO, MARCO
2003-01-01

Abstract

L'articolo chiarisce i motivi di interesse del saggio "Spazi senza parola" di Helmuth Plessner, di cui curo anche la traduzione. L'interesse sta nelle argomentazioni proposte da Plessner per assegnare valore filosofico anche alle dimensioni non verbali dell'esperienza, dalla musica ai monumenti, dal riso e pianto alla geometria. Tali dimensioni per un verso gettano luce sulla grammatica dell'esperienza, cioè sulla sua radice corporea e sensoriale, la cui differenziazione è irriducibile. Per un altro gettano luce sul carattere eccentrico della condizione umana, perché proprio nel rapporto con l'indicibile (il non verbale) - con il fatto che esso viene mostrato e taciuto, espresso ma non dominato logicamente e praticamente -, emerge la situazione di confine tipica dell'eccentricità. Essere eccentrico significa trovarsi sempre dentro e fuori una linea di confine; quindi se la parola/logos è ciò che determina i confini, il non verbale/alogos è ciò che sta oltre il confine, ma come nostro, come ciò che dall'interno dei confini mostra il nostro costante e arrischiato trascenderli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/3880181
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact