La corporeità come mediatore tra didattica e neuroscienze