La "scrittura" degli Ossi di Seppia