Imerio, Orazione 65. Traduzione e commento