Il sottile discrimen tra il non essere e l'essere in stato vegetativo: note a margine del recente caso Englaro