Narrare il potere e la follia: una lettura di "Qualcuno volò sul nido del cuculo"