Tempi e luoghi di (de)formazione