"Anche i boia muoiono". Su Brecht e il cinema