«Di pennello oltramontano»: tedeschi, francesi e fiamminghi nella collezione del cardinale Tommaso Ruffo