Assegnazione a domanda variabile: uno stato dell'arte