L'abside della cattedrale di Salerno: alcune considerazioni