A trent'anni dal bradisismo che interessò Pozzuoli, trentadue testimoni raccontano quell'esperienza traumatica. In particolare, in questo specifico contributo viene raccolta ed analizzata la testimonianza di un amministratore che rivestiva incarichi istituzionali notevoli nella congiuntura dell'evento. A partire da questa fonte, trattata con metodo rigoroso, viene ricostruito un segmento significativo dell'esperienza vissuta da un'intera comunità con sofferenza e rischi di disgregazione. Pertanto l'identità appare ancora oggi non del tutto ricomposta e segnata da ferite aperte.

Il bradisismo: una ferita e un laboratorio aperti

SELVAGGIO, Maria Antonietta
2013

Abstract

A trent'anni dal bradisismo che interessò Pozzuoli, trentadue testimoni raccontano quell'esperienza traumatica. In particolare, in questo specifico contributo viene raccolta ed analizzata la testimonianza di un amministratore che rivestiva incarichi istituzionali notevoli nella congiuntura dell'evento. A partire da questa fonte, trattata con metodo rigoroso, viene ricostruito un segmento significativo dell'esperienza vissuta da un'intera comunità con sofferenza e rischi di disgregazione. Pertanto l'identità appare ancora oggi non del tutto ricomposta e segnata da ferite aperte.
9788888623757
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4051853
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact