Servio, Timpanaro, Ramires e il metodo della filologia per litteras