Dalla narrazione della democrazia a quella della paura