«Per una "trasformazione delle forme epiche". Anna Seghers e le "leggende" dell'esilio»