Lo Studio napoletano. Dal viceré Toledo al conte di Lemos