Una precisazione sul primo soggiorno napoletano del Beinaschi