La democrazia, il neoliberalismo e alcune sinistre nostalgie