Sulla politicità del diritto positivo moderno. Tra nichilismo e neo-giusnaturalismo