Ernesto de Martino e il relativismo non dogmatico