E. de Martino ha mostrato come il "relativismo dogmatico", quello che vuole assurgere a dottrina, se applicato alle discipline demoetnoantropologiche, possa condurre ad una visione distorta della relazione tra culture umane perché le dipinge come rigidamente separate ed "autosufficienti". Per de Martino, invece, l'incontro etnologico con la diversità può assumere una forma "non dogmatica". Un incontro attraverso il quale, senza ripudiare la propria cultura come strumento di conoscenza, il mondo occidentale si apre alla comprensione delle prospettive culturali degli "altri" in una foma che definisce "etnocentrismo critico" o anche "europocentrismo critico".

Ernesto de Martino e il relativismo non dogmatico

ESPOSITO, Vincenzo
2013

Abstract

E. de Martino ha mostrato come il "relativismo dogmatico", quello che vuole assurgere a dottrina, se applicato alle discipline demoetnoantropologiche, possa condurre ad una visione distorta della relazione tra culture umane perché le dipinge come rigidamente separate ed "autosufficienti". Per de Martino, invece, l'incontro etnologico con la diversità può assumere una forma "non dogmatica". Un incontro attraverso il quale, senza ripudiare la propria cultura come strumento di conoscenza, il mondo occidentale si apre alla comprensione delle prospettive culturali degli "altri" in una foma che definisce "etnocentrismo critico" o anche "europocentrismo critico".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4417053
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact