La rifrazione degli spazi nella "Mirra" di Alfieri