Femminilità e corpo anomalo: la figura della sordomuta in Collins e Dickens