Il saggio propone una lettura delle prime partiture balletistiche di Igor Stravinskij nell'ottica dei processi cognitivi incorporati.

«Il ne faut pas mépriser les doigts». La tastiera, la ‘mano acculturata’ e il 'Sacre du printemps'

LOCANTO, Massimiliano
2014

Abstract

Il saggio propone una lettura delle prime partiture balletistiche di Igor Stravinskij nell'ottica dei processi cognitivi incorporati.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4498261
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact