Capitalismo e macchina desiderante tra linee di fuga e dualismo