Il contributo analizza i testimoni di un ramo (collocabile nella Costantinopoli di età paleologa) della tradizione manoscritta di alcune opere di Filone Alessandrino; nei marginalia del Vindob. Suppl. gr. 50 viene identificata la mano di Massimo Planude, mentre nel Laur. Plut. 10.23 si rinviene la scrittura di Giorgio Bullotes; del codice Laurenziano, integrato nel Cinquecento da Francesco Zanetti (prima attribuzione), si fornisce la prima descrizione catalografica moderna.

Filone Alessandrino tra Massimo Planude e Giorgio Bullotes. A proposito dei codici Vindob. Suppl.gr. 50, Vat. Urb. gr. 125 e Laur. Plut. 10, 23

DE GREGORIO, Giuseppe
2014

Abstract

Il contributo analizza i testimoni di un ramo (collocabile nella Costantinopoli di età paleologa) della tradizione manoscritta di alcune opere di Filone Alessandrino; nei marginalia del Vindob. Suppl. gr. 50 viene identificata la mano di Massimo Planude, mentre nel Laur. Plut. 10.23 si rinviene la scrittura di Giorgio Bullotes; del codice Laurenziano, integrato nel Cinquecento da Francesco Zanetti (prima attribuzione), si fornisce la prima descrizione catalografica moderna.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/4520861
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact