Il paper discute, in termini concettuali ed empirici, l'applicazione della logica di “co-produzione” alle prestazioni di assistenza sanitaria erogate in ambito penitenziario: alla base del lavoro si pone l'assunto, ampiamente condiviso in letteratura, secondo cui il coinvolgimento del paziente sia essenziale per il conseguimento di migliori condizioni di efficienza operativa e di maggiore qualità della cura. All'inquadramento teorico del concetto di co-produzione dei servizi pubblici, segue un approfondimento sul coinvolgimento del paziente nelle attività di erogazione della cura; dopo aver fornito brevi cenni sul peso assunto in termini istituzionali dalle logiche di co-produzione dei servizi di assistenza sanitaria, l'attenzione è focalizzata sulle attività di tutela e promozione della salute in seno al peculiare contesto penitenziario. Attraverso la somministrazione di un questionario semi-strutturato ai dirigenti medici penitenziari operanti in una regione italiana, si intende pervenire all’identificazione dei fattori agevolanti e dei vincoli, sia da un punto di vista strutturale che culturale, alla diffusione degli approcci di co-produzione in ambito penitenziario. Il lavoro si conclude con brevi note sulle prospettive future della co-produzione dei servizi di cura erogati a favore degli individui sottoposti a una misura restrittiva della libertà personale.

La coproduzione della tutela e della promozione della salute: l’applicazione di nuovi approcci di cura nel sistema sanitario penitenziario

PALUMBO, ROCCO
2013

Abstract

Il paper discute, in termini concettuali ed empirici, l'applicazione della logica di “co-produzione” alle prestazioni di assistenza sanitaria erogate in ambito penitenziario: alla base del lavoro si pone l'assunto, ampiamente condiviso in letteratura, secondo cui il coinvolgimento del paziente sia essenziale per il conseguimento di migliori condizioni di efficienza operativa e di maggiore qualità della cura. All'inquadramento teorico del concetto di co-produzione dei servizi pubblici, segue un approfondimento sul coinvolgimento del paziente nelle attività di erogazione della cura; dopo aver fornito brevi cenni sul peso assunto in termini istituzionali dalle logiche di co-produzione dei servizi di assistenza sanitaria, l'attenzione è focalizzata sulle attività di tutela e promozione della salute in seno al peculiare contesto penitenziario. Attraverso la somministrazione di un questionario semi-strutturato ai dirigenti medici penitenziari operanti in una regione italiana, si intende pervenire all’identificazione dei fattori agevolanti e dei vincoli, sia da un punto di vista strutturale che culturale, alla diffusione degli approcci di co-produzione in ambito penitenziario. Il lavoro si conclude con brevi note sulle prospettive future della co-produzione dei servizi di cura erogati a favore degli individui sottoposti a una misura restrittiva della libertà personale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4526704
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact