Il caso Wilson, o la melanconia al potere